Presentazione Libro “Storie di Dono” – VOLABO

“In una relazione di cura che funziona, la direzione del dono va da colui che cura alla persona curata ma, allo stesso modo e spesso in misura maggiore, va anche dalla persona curata verso colui che cura. “
Il dono nella cura. Qualcosa in più che da benessere a tutti; Ivonne Donegani

Il 21 Marzo scorso, alle 17.30 in punto, telecamere accese e block-notes in mano, ci preparavamo ad assistere alla presentazione del libro “Storie di Dono” a cura di Cinzia Migani Laura Pacetti, Michela De Falco, Danile Guidi, Valerio Borgonuovo, realizzato all’interno del progetto “Il volontariato è un dono di tutti” promosso da VOLABO – Centro Servizi per il Volontariato per la Città Metropolitana di Bologna. Questo progetto si basa sulla convinzione che le azioni di volontariato portino beneficio non solo a chi le riceve ma anche a chi le pratica, mostrando come la cultura del dono si fondi su un rapporto di piena reciprocità.

Il libro “Storie di Dono” contribuisce a rafforzare tale tesi, questo è infatti una raccolta di storie ed esperienze fondate sul dono, scritte da alcuni volontari appartenenti a diverse associazioni del territorio bolognese, che fanno riflettere ed allo stesso tempo emozionare i lettori. A tal proposito, come afferma Cinzia Migani, Direttora di VOLABO, la raccolta diventa, attraverso i suoi racconti, testimonianza della possibilità di cambiamento che fare volontariato crea per la comunità.
Le motivazioni che spingono una persona a diventare volontario possono essere le più svariate come ben si evince dall’incipit di “La Rabbia e il Dono”, uno dei racconti che compongono il libro: “chiunque può impegnarsi per cambiare un po’ il mondo. A volte si comincia per altruismo, altre volte per egoismo, altre ancora per riconoscenza. A volte per rabbia. Per me è stata la rabbia di vedere esseri umani stipati come bestie nelle carrette del mare […].” Per l’autore di questo racconto è stata quindi la rabbia causata dall’ingiustizia sociale a far scattare la necessità di donare. Per Fulvio de Nigris, fondatore de “La casa dei Risvegli” ed autore del racconto “Il Dono di quel Figlio Perduto”, è stato invece proprio il lutto per la perdita del figlio Luca a spingerlo a donare.
Nel Libro sono presenti anche alcuni dei racconti che sono stati il frutto dei Corsi di Storytelling che l’Università del Volontariato ha proposto negli ultimi due anni all’interno del suo programma didattico. Come ci racconta la docente, Elena Scarpellini, alla quale abbiamo fatto un paio di domande, i corsisti nello scrivere le loro storie hanno riflettuto molto sulla propria esperienza di volontari, cercando di adottare prospettive diverse e plurime per poter trovare un modo di comunicare la loro esperienza di volontariato anche a chi volontario non è. E in tutti i casi è emersa, appunto, la reciprocità, lo scambio, il Dono. Donare e Ricevere come due entità che danzano insieme e che diventano due facce indissolubilmente legate di una sola cosa.
Come avrete potuto intuire, “Storie di Dono” è un libro che, nonostante le sue dimensioni ridotte, è in grado di suscitare emozioni forti e far riflettere. Questo concetto è emerso con straordinaria chiarezza dalle parole della Professoressa Bruna Zani, Presidente Istituzione G.F. Minguzzi della Città Metropolitana di Bologna, che durante la presentazione afferma: “Sono docente universitaria e come mia professione sono, come dire, abituata a leggere i libri con una modalità che si chiama “di lettura veloce” e macino ovviamente libri in quantità! Quando ho visto questo.. vabbè.. ho detto, questo me lo mangio non dico dieci minuti ma insomma.. e invece mi è capitata una cosa un po’ strana nel senso che ho cominciato a leggerlo.. sono 14 storie e non riuscivo a leggere più di 1 o 2 storie alla volta. Mi dovevo fermare. Mi dovevo fermare. Perché mi suscitavano tutta una serie di idee, di riflessioni, di domande. Allora, come si fa in questi casi, chiudi il libro e lo metti da una parte.. bisogna digerirlo! Insomma ci ho messo un paio di giorni. [..] Ci sono delle scritture fatte da tante mani, con una loro specificità e unicità, nel filo rosso comune che è quello del dono..”
E noi, che dono ci portiamo a casa?
Storie, condivisione, curiosità, emozione e il libro che, restando fedele al suo titolo, ci è stato “donato”!

Articolo di Arianna Donti, Federica Giuliani.
Video di Valentina Lupo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: