Finanziamenti per il no profit: il docente Gianfranco Coda si racconta

“L’insegnamento sta lasciando una traccia di sé stessi nello sviluppo di un altro. E sicuramente lo studente è una banca dove è possibile depositare i propri tesori più preziosi”. Eugene P. Bertin

La frase di Bertin, chimico statunitense, educatore e filantropo, penso possa descrivere al meglio il lavoro che ogni docente dell’Università del volontariato svolge ogni giorno, condividendo le proprie conoscenze con i corsisti che le sfrutteranno per essere volontari migliori.

Gianfranco Coda, insegnante di Finanziamenti per il no profit, è uno dei tanti “supereroi senza mantello” come li ha definiti Heidi McDonald, scrittrice americana ed editor nel campo dei fumetti, che contribuisce alla formazione dei volontari.

Sostiene di credere molto nel ruolo che svolge presso l’Università del Volontariato e si ritiene soddisfatto non solo della partnership instaurata con l’associazione ma anche dell’interesse che suscita il suo corso tra i partecipanti. La sua è una materia tanto tecnica quanto essenziale per tutti i corsisti, poiché, come lui stesso sottolinea durante l’intervista, per svolgere le attività di volontariato sono necessarie competenze specifiche, che danno la possibilità a tutti di svolgere il loro compito con professionalità.

“Un target molto diversificato”, ecco come definisce tutti coloro che partecipano non solo alle sue lezioni, ma a tutte le attività, specificando che “trattandosi di volontari” è normale avere a che fare con individui molto diversi tra loro per quanto riguarda l’età, le capacità e l’esperienza.

Alla domanda “Che cos’è per te il volontariato?”, Gianfranco risponde “una missione”, per la quale devi “sentirti portato” ed alla quale devi dedicare tempo che, purtroppo, a causa dei svariati impegni lavorativi, spesso non ha.

Tuttavia, svolge un volontariato che definisce “informale”, il quale consiste nell’aiutare, con piccoli gesti spontanei, amici e conoscenti. Se è vero che, per essere volontario, devi essere disposto a dedicare parte della tua vita agli altri, è vero anche che, chiunque, in qualsiasi momento, può trasformarsi in volontario ed aiutare, divertendosi.

Federica Lolli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: